PROGRAMMA DEL FESTIVAL 2017!

Dopo l’incredibile successo riscosso dalla scorsa edizione di Muse Salentine, anche grazie all’entusiasmo da voi dimostrato, abbiamo deciso di ripetere l’esperienza proponendo anche quest’anno due sessioni: la prima dal 24 al 31 luglio e la seconda dal 18 al 23 settembre 2017.


Concerti in luglio 2017


lunedì 24 luglio 2017

I Bassifondi/ Simone Vallerotonda

“Alfabeto falso”

  Palazzo Ducale, Scorrano (LECCE)
21,00


venerdì 28 luglio 2017

Les Musiciens de Saint-Julien

Tesori della musica da camera francese e tedesca 1735-1750

Palazzo Sangiovanni, Alessano (LECCE)
21,00


lunedì 31 luglio 2017

Vox Luminis

Miserere in mi (Salmo 50) – Domenico Scarlatti (1685 – 1757)

Jesu meine Freude – BWV 227 – Johann Sebastian Bach (1685 – 1750)

Stabat Mater a 10 Voci – Domenico Scarlatti (1685 – 1750)

Basilica di Santa Caterina d’Alessandria, Galatina (LECCE)
20,30


 

Concerti in settembre 2017


lunedì 18 settembre 2017

Roberta Mameli, soprano e Luca Pianca, liuto

“Sospiro”

Luogo da confermare
20,00


martedì 19 settembre 2017

Odhecaton/ Paolo Da Col

Alessandro Scarlatti (1660-1725)

Luogo e programma da confermare
20,00


mercoledì 20 settembre 2017

Olga Pashchenko, pianoforte

Programma da confermare con la proiezione di un film muto di Murnau

Palazzo Sangiovanni, Alessano (LECCE)
20,00


giovedì 21 settembre 2017

Roberta Mameli, soprano

Programma da confermare

Luogo da confermare
20,00


venerdì 22 settembre 2017

Chiara Zanisi, violino & Giulia Nuti, clavicembalo

Programma da confermare

Palazzo Sangiovanni, Alessano (LECCE)
20,00


sabato 23 settembre 2017

Ori Epstein, violoncello & Omri Epstein, pianoforte

Sonate per violoncello e pianoforte – Ludwig van Beethoven (1770-1827)

Palazzo Sangiovanni, Alessano (LECCE)
20,00


L’apertura del Festival sarà affidata quest’anno al liutista Simone Vallerotonda e al suo ensemble I Bassifondi. Il trio proporrà il programma “Alfabeto falso”, dedicato alla musica per chitarra e tiorba del primo seicento italiano e spagnolo, un repertorio sconosciuto, caratterizzato da bizzarie ritmiche e stravaganze armoniche, appena pubblicato in disco. Il trio, composto da chitarra/tiorba, percussioni e colascione, rievoca un tipico ensemble seicentesco. Ritmi travolgenti, accordi sporchi, improvvisazione e diminuzioni sono i colori del loro sound. Seguiranno Les Musiciens de Saint-Julien, accompagnati da talentuosi solisti conosciuti a livello internazionale, come Lucile Boulanger che ci delizierà con la sua viola da gamba e Justin Taylor al clavicembalo. Quest’ultimo ha da poco vinto il primo premio durante il Concorso Internazionale di clavicembalo di Bruges. Presenteranno un programma intitolato “Tesori della musica da camera France-Germania 1735-1750”.

Siamo entusiasti di chiudere la settimana con Vox Luminis, uno dei migliori ensemble vocali al mondo, che può vantare esibizioni nelle hall e nei festival più prestigiosi e che ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra i quali il premio Gramophone per la registrazione di “Heinrich Schütz Musicalische Exequien”.

A settembre, passata la frenesia della stagione turistica, il Salento riscopre la sua solita tranquillità e temperature miti e gradevoli, e gli amanti della musica potranno godersi un programma che prevede Musica da Camera, repertori vocali e Musica Antica. Ai turisti stranieri che si trattengono fino alla fine della stagione si uniranno vari ospiti. Ci auguriamo che questa seconda sessione e l’arrivo di ulteriori turisti possa essere un buon impulso per l’economia regionale.

Per questa nuova edizione settembrina, Muse Salentine è onorata di poter accogliere grandissimi interpreti della musica quali il soprano Roberta Mameli accompagnata dal liuto di Luca Pianca. La programmazione musicale prevede, inoltre, la proiezione di un film muto di Murnau con sottofondo musicale a cura della deliziosa Olga Pashchenko al piano.

Il festival sarà anche l’occasione per scoprire nuovi talenti, quali la violinista Chiara Zanisi accompagnata da Giulia Nuti al clavicembalo, che interpreteranno le sonate di Bach per il violino; il rinomato Ensemble Odhecaton, diretto da Paolo da Col, con un programma dedicato ad Alessandro Scarlatti.

Infine, siamo molto felici di annunciarvi il ritorno di Epstein che ci delizierà con le suonate per violoncello di Ludwig van Beethoven.

Quest’anno, per la prima volta, il Festival ospiterà una master class, tenuta dall’eminente clavicembalista Giulia Nuti intorno al celebre Manoscritto Bruyn, in concomitanza con l’uscita del suo nuovo disco “Le cœur & l’oreille”, aperto a tutti gli studenti di conservatorio della regione.

Palazzo San Giovanni, ad Alessano, sarà la solita bellissima cornice della maggior parte dei concerti; mentre per alcuni vorremmo accogliervi in location diverse. Vi faremo sapere per tempo.